Browsing Category

TORTE

BROWNIES & BARS/ TORTE

Torta al cioccolato dal cuore morbido con salsa di more e vino rosso (gluten free)

Oggi c’è sempre maggior attenzione al vino che si sceglie di gustare, anche quando lo si usa per cucinare.
Eurospin, con la collaborazione del sommelier Luca Gardini, ha selezionato alcuni vini DOC/IGT/DOCG integralmente prodotti in alcune delle più vocate zone vitivinicole italiane. Per “integralmente prodotto” s’intende che le aziende produttrici seguono il vino dalla vigna alla bottiglia, non,perdendo di vista le fasi della filiera.
Questo rende i prodotti selezionati distintivi perché chi coltiva è anche chi raccoglie, vinifica ed imbottiglia.

Torta al cioccolato dal cuore morbido con salsa di more e vino rosso (gluten free)

L’obiettivo di questa collaborazione è quella di unire le conoscenze e l’esperienza di un rinomato ed apprezzato sommelier alla volontà di contenimento dei prezzi di cui Eurospin si è sempre fatta carico.

 Torta al cioccolato dal cuore morbido con salsa di more e vino rosso (gluten free)

 

Quando mi sono decisa a preparare la mia TORTA AL CIOCCOLATO DAL CUORE MORBIDO CON SALSA AL VINO E MORE non ho avuto dubbi sulla scelta del vino: un Negroamaro Salento igp dal sapore intenso,che si sposa alla perfezione col cioccolato fondente.

Leggi l'articolo…

TORTE/ TORTE DA COLAZIONE

Chiffon cake al limone – Torta soffice americana

La chiffon cake è una torta soffice preparata con olio di semi, uova, zucchero, farina  e lievito. Poi, si aggiungono i vari aromi come la vaniglia, l’arancio o come in questo caso il limone. La sua consistenza è molto diversa rispetto ad un classico pan di spagna perchè è molto più soffice ed areata grazie ai bianchi d’uovo che vengono montati a neve ed incorporano così tanta aria. 

Questa versione al limone è decorata con una semplice glassa all’acqua aromatizzata al limone, che aggiunge sapore ed una bella rifinitura al dolce. 

Per prepararla servirebbe uno stampo ad hoc, quello per chiffon cake, che rispetto ad uno classico da ciambella è molto più alto. Se non lo avete utilizzatene uno classico col buco al centro, ma probabilmente vi avanzerà un pò di impasto. 

chiffon cake al limone lemon

Leggi l'articolo…

TORTE

Pasta sfoglia perfetta!

La pasta sfoglia è una delle preparazioni base della pasticceria che vale la pena preparare piuttosto che comprare essendoci una differenza abissale nel risultato finale.  
Questa è la mia ricetta preferita che è entrata di diritto nel mio ricettario con i "best of" da non dimenticare!

INGREDIENTI:
Per il pastello:
400 gr. farina
240 gr. acqua
10 gr. sale
Per il panetto:
100 gr. farina
500 gr. burro 
PROCEDIMENTO:
Per il pastello:
1. Disporre a fontana la farina aggiungere il sale e l’acqua ben fredda;
2. Mescolare gli ingredienti amalgamandoli senza lavorare troppo l’impasto. Avvolgere con la pellicola e porre a riposare in frigorifero per circa 30 minuti.
Per il panetto:
1. Ammorbidire il burro e incorporare al resto della farina. Lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere un unico composto. È importante non lavorarlo troppo altrimenti il burro si scioglie;
2. Dare la forma di un panetto e metterlo in frigo a rassodare per circa 30 minuti, sempre coperto con pellicola o carta forno.
1. Trascorso il periodo di riposo del pastello stenderlo a forma di croce. Lasciare la parte centrale più spessa e le parti esterne più sottili. Porre al centro il panetto di burro e farina e ricoprirlo con i quattro lati della croce;
2. Stendere l’impasto ad un’altezza di circa 7-8 millimetri, ottenendo così un rettangolo che sia 3 volte più lungo che largo.
Prima girata da 3:
Ripiegare su se stessa la sfoglia tre volte. Posizionare la sfoglia in modo che i lati chiusi siano all’esterno, uno a destra e uno a sinistra e stendere la foglia dai lati aperti, così da abbassare lo spessore a circa 1.5 cm.
Seconda girata da 4: 
Piegare le due estremità verso il centro facendo combaciare i lati, e ripiegare nuovamente.
Porre la pasta sfoglia in frigorifero e lasciare riposare per circa mezz’ora.

Trascorsi 30 minuti in frigorifero, ristendere nuovamente la sfoglie ed effettuiamo le pieghe fatte in precedenza: quindi una da 3 e una da 4. Se tra una piega e l’altra ci accorgiamo che il burro dovesse riscaldarsi possiamo porre in frigorifero nuovamente per far riposare la pasta.
Lasciar riposare in frigorifero per 30 minuti.
La sfoglia è pronta per essere stesa dello spessore preferito (consigliato 3/4 mm), bucherellata e cotta a 200° per 20 minuti. Per caramellarla, cospargerla al termine della cottura con zucchero a velo ed infornare di nuovo per 10 minuti.
TORTE/ TORTE DA COLAZIONE

Torta ai mandarini gluten free

Questo è il primo dolce gluten free che ho preparato a Dolcemente Pisa e quest’anno è andato a ruba. Ho avuto il piacere di offrirne una fetta alle amiche blogger Angela di Tre muffin ed un Architetto e Laura Adani (vi ricordate il corso di fotografia con lei?). 
E’ una torta che preparato in due versioni, quella classica sotto forma di naked cake e quella al piatto con crumble croccante di agrumi e gelato al mandarino. 

E’ molto leggera e la farina di mandorle sostituisce alla perfezione quella normale che potete utilizzare in alternativa se non avete intolleranza al glutine.
La ricetta è singolare perchè prevede l’utilizzo di 5 mandarini bolliti per 2 ore e poi tritati con la buccia. Dalla purea se ne ricaverà l’intenso sapore agrumato che contraddistingue questa torta. 
E’ il giusto modo per salutare il freddo con gli ultimi mandarini rimasti e dire "Benvenuta Primavera!"
La ricetta del dolce al piatto arriverà fra qualche post.
INGREDIENTI:
– 5 mandarini
– 6 uova
– 200 gr zucchero + 2 cucchiai
– 280 gr mandorle tritate grossolanamente
– 1 cucc.ino lievito
– 200 ml panna liquida
– 1 mandarino per decorare
PROCEDIMENTO:
1. Bollire i 5 mandarini per 2 ore. Scolarli e lasciarli raffreddare. Poi, tritarli, buccia inclusa, con un tritatutto;
2. Accendere il forno a 190° ed imburrare una teglia da 20 cm di diametro;
3. Sbattere le uova con lo zucchero finchè non saranno ben montate, poi unire le mandorle ed il lievito. Infine, la purea di mandarini. Mescolare e versare l’impasto nella teglia. Cuocere per 1 ora, se la superficie dovesse iniziare a scurire, coprire la teglia con della stagnola per i restanti minuti. Fare la prova stecchino prima di sfornare!
4. Una volta fredda, potete decidere di consumarla così com’è oppure dividerla in due e farcirla con della panna montata. Decorare con delle fettine sottili di mandarino.

TORTE/ TORTE DA COLAZIONE

Irish car bomb cake

Cos’è l’Irish car bomb? E’ un cocktail che si prepara versando uno shot di whiskey e irish cream in un bicchiere di birra scura. 
Il termine "irish" si riferisce all’origine irlandese degli ingredienti utilizzati.
L’Irish car bomb è un vero must negli Stati Uniti, ma non nel suo paese d’origine, dove alcuni bar tender si rifiutano di servirlo perché considerato offensivo. Questo perchè il drink ricorda le autobombe poste nell’Irlanda del nord durante gli scontri tra i cattolici e i protestanti, per lo stato costituzionale che riguardavano le relazioni tra le due religioni. 

Tralasciando l’etimologia del termine, quello che ci interessa è il sapore, di intenso cioccolato, con un lontano sentore di birra scusa ed una panna aromatizzata al l’irish cream e whiskey.

INGREDIENTI:
Per la torta:
– 250ml Guinness
– 250gr burro
– 75 gr cacao
– 400gr zucchero
– 142 ml latticello (71 gr yogurt + 70 gr panna liquida + due gocce di succo di limone) 
– 2 uova
– 1 cucchiaio estratto vaniglia
– 275 gr farina
– 2 e 1/2 cucc.ino bicarbonato di soda
Per la panna aromatizzata:
– 300 ml panna liquida
– whiskey e baileys q.b.
– cacao q.b.
PROCEDIMENTO:
Per la torta:
1. Preriscaldare il forno a 180° ed imburrare una teglia da 23 cm;
2. Versare la birra in un pentolino, unire il burro e riscaldare finchè il burro non sarà sciolto. Aggiungere, quindi, il cacao e lo zucchero;
3. A parte, in una ciotola sbattere con un frusta elettrica le uova ed il latticello, poi aggiungere la vaniglia;
4. Unire al composto di uova e latticello, quello del pentolino, tiepido, e mescolare bene. Per ultimo, unire farina e bicarbonato, setacciati;
5.  Versare l’impasto nella teglia e cuocere per 45/60 minuti (prova stecchino permettendo!).
Per al panna aromatizzata:
1. Montare la panna con una frusta elettrica. Poi, terminata la procedura, unire whiskey e baileys a poco a poco ed amalgamarli con una spatola. Non appena la panna avrà il sapore che più preferite, versatela sopra la torta, ormai fredda, e stendetela con una spatola (potete usare anche una sac a poche). E’ importante aggiungere i liquidi poco per volta per evitare che, unendone troppi, la panna si sleghi. Spolverare un pò di cacao.

TORTE

La galette des Rois

La galette des Rois, nel Nord della Francia, è originalmente una galletta a base di pasta sfoglia semplicemente dorata in forno. Si mangia accompagnata da marmellate; può anche essere farcita con diverse preparazioni: crema frangipane, frutta, creme, cioccolato o salsa alle mele.
Nel Sud della Francia, il dolce dei re è una brioche alla frutta candita a forma di corona, profumata ai fiori d’arancio: in tale regione, è preferita a quella di pasta sfoglia.
Ci sono anche delle varianti a base di pasta frolla, principalmente in Belgio.
Il nome, "galletta dei re", si spiega con il suo riferimento ai Re Magi, festeggiati proprio il giorno del sei gennaio.
Nel dolce si nasconde per tradizione una "feve", fava o, nelle famiglie più benestanti, la piccola figura di un re, simile a un soldatino oppure ad altre figure: la persona a cui capita di avere l’oggetto nascosto nel suo pezzo di dolce è considerata il re della giornata. Tradizionalmente si decora la torta con una coroncina di carta dorata.

Prepararla è semplicissimo. Potete utilizzare la miaricetta della pasta sfoglia ( 1/3 di dose) o comprarla già pronta. 
INGREDIENTI:
– 1 rotolo di pasta sfoglia o 1/3 di dose come da ricetta qui
Per il frangipane:
– 100 gr burro morbido
– 100 gr zucchero di canna
– 130 gr farina di mandorle
–  8 gr fecola o amido 
– 1 presa sale
– 2 uova
– 1 cucchiaio di essenza di fiori d’arancio (facoltativo)
Per la glassa di uova:
– 1 tuorlo
– 1 cucchiaio di acqua 
– 1 cucchiaio di zucchero a velo
– 1 fagiolo o 1 oggettino in porcellana
PROCEDIMENTO:
1. Preparare la sfoglia e ricavare due dischi uno di 20 cm di diametro, l’altro di 30 cm. Posizionare quello più piccolo sulla teglia del forno ricoperta di carta da forno;
2. Per il frangipane, sbattere il burro con lo zucchero, unire la farina di mandorle, la fecola, il sale, le uova e l’essenza di arancio. Lasciar riposare in frigorifero per 30 minuti;
3.  Prendere il tuorlo, sbatterlo con la forchetta e spennellare due cm del bordo esterno del disco che abbiamo già posizionato sulla teglia. Ci servirà da collante con quello che posizioneremo sopra per chiudere il dolce. Lasciarne da parte un pò per glassare il dolce;
4. Versare il frangipane all’interno del disco, senza toccare la parte spennellata con l’uovo ed inserire all’interno la fava in porcellana o più semplicemente un fagiolo crudo;
5. Ricoprire il tutto con il disco più grande, avendo cura di attaccarlo bene a quello più piccolo grazie all’uovo che abbiamo spennellato; 
6. Creare delle decorazioni con la punta del coltello partendo dal centro e arrivando ai bordi. Quindi, spennellare la superficie con il restante tuorlo;
7. Riporre la galette in frigo per 1 ora, poi praticare dei fori sul disco superiore, uno al centro e gli altri sparsi sulla superficie (5 saranno sufficienti);
8. Infornare a 180° per 30 minuti. Quattro minuti prima dello scadere del tempo, preparare la glassa con il cucchiaio di zucchero e di acqua e spennellare la sfoglia. Rinfornare.
TORTE

Millefoglie al pandoro con chantilly e ganache al cioccolato fondente

A Natale adoro preparare il dolce, come sempre del resto, ma quel che più mi piace è pensare a come reinterpretare i dolci classici in una veste inusuale ed originale. Questo è ancor più divertente e stimolante se l’ingrediente principale è il pandoro o il panettone. Al posto di concludere il pasto con il classico dei classici dolci natalizi, magari farcendolo, perchè non proporre qualcosa di nuovo?
Quest’anno ho pensato subito ad una millefoglie composta da strati di pasta sfoglia fatta in casa (ma potete anche comprarla già pronta, anche se il risultato è decisamente diverso), crema chantilly, pandoro e ganache al cioccolato fondente. Il risultato è stato un dolce non troppo zuccherato, decisamente natalizio ed incredibilmente leggero. 

Uno degli invitati ha detto: se ti viene voglia di prenderne una seconda fetta dopo un pranzo di Natale, vuol dire che è davvero buona! Ed infatti è stata apprezzata da tutti, anche dal critico più severo, me stessa ed è un’ottima idea per il dolce di Capodanno!
Se scegliete una pasta sfoglia già pronta i tempi di preparazione si riducono drasticamente, in caso contrario vi converrà partire il giorno prima per realizzare una sfoglia ad hoc.

INGREDIENTI:
Per la pasta sfoglia:
– pasta sfoglia (la ricetta la trovate qui, servirà mezza dose

)

– zucchero a velo
Per la chantilly:
– 800 ml panna fresca da montare
– 4 cucchiai di zucchero a velo 
Per la ganache:
– 200 gr cioccolato fondente
– 200 gr panna fresca liquida
– 1/2 pandoro 
– trucioli di cioccolato
– decorazioni natalizie in pasta di zucchero
PREPARAZIONE:
Per la pasta sfoglia:
1. Stendere la pasta di uno spessore di 2/3 mm su un foglio di carta da forno. Posizionarla sulla teglia del forno, bucherellarla ed infornare a 200° per 20 minuti. Tirare fuori e cospargere di zucchero a velo, infornare nuovamente fino a che la sfoglia non sarà ben caramellata. Ripetere altre due volte. Lasciar raffreddare le sfoglie e poi ricavare tre dischi di 25 cm di diametro.
Per la chantilly:
1. Montare la panna con lo zucchero finchè non sarà ben solida e mettere da parte.
Per la ganache:
1. Scaldare la panna in un pentolino. Togliere dal fuoco poco prima del bollore, trasferire in una ciotola e versarvi all’interno il cioccolato tritato grossolanamente. Mescolare finchè non otterrete una crema omogenea.Mettere da parte a raffreddare e poi in frigo finchè non avrà la consistenza di una crema spalmabile (es. nutella).

1. Prendere il piatto da portata e posizionarvi sopra il disco chiuso di una teglia a cerniera di 25 cm privo del fondo. Iniziare ad adagiare il primo disco di sfoglia sul fondo, versare poi uno strato di panna montata, qualche cucchiaiata di ganache e coprire il tutto con uno strato di fette di pandoro spesse 1 cm. Coprirle con un secondo strato di panna;
2. Ripetere l’operazione: strato di sfoglia, panna, ganache, pandoro, panna ed infine chiudere il tutto con l’ultimo disco di sfoglia. Schiacciare bene in modo da comprimere il dolce nello stampo. Ricoprire quest’ultimo strato di sfoglia con un sottile velo di panna. Sollevare infine la cerniera, togliendo così lo stampo;
3. Con la sfoglia avanzata ricavare una granella, tritandola in un tritatutto e utilizzarla per ricoprire interamente il dolce così da nascondere la panna sui lati;
4. Decorare con pasta di zucchero a piacere e due pezzetti di pandoro nel centro. Lungo i bordi posizionare qualche truciolino di cioccolato.
BROWNIES & BARS/ TORTE

Torta brownie con meringa al cioccolato e nocciole tostate

Ieri su Instagram ho pubblicato la foto di questa torta che ho realizzato anni fa per il compleanno di mio papà ed in tante mi avete chiesto la ricetta. Per chi adora il cioccolato è un dolce da provare assolutamente e la meringa è un pò diversa dal solito perchè ha all’interno cacao, pezzetti di cioccolato e nocciole tostate. La torta brownie è invece soffice, croccante all’esterno e cioccolatosa all’interno.

Leggi l'articolo…

TORTE

Sponge cake con mousse alle fragole, mirtilli e crema pasticcera

L’estate è alle porte, così sembra, ed io voglio credere che sia davvero così preparando dolci super estivi, incurante di cosa vedo fuori dalla finestra. Per i 90 anni di Nonna ho ricevuto precise istruzioni da lei, sa il fatto suo nonostante l’età, e mi ha chiesto un dolce con la crema, ma un pò diverso dal solito. Le naked cake sono sempre più la moda del momento. Arrivate in sordina in Italia poco più di due anni fa, le naked cake oggi sempre più spesso sostituiscono le classiche torte ricoperte di pasta di zucchero, ritenute, probabilmente, troppo pesanti e appariscenti.Utilizzate per le cerimonie, per i matrimoni, ma anche, più semplicemente, per le feste di compleanno di ragazzi e adulti, le naked cake sono il trionfo di fiori e frutta. Coloratissime e molto chic, sono ideali per party stilosi e raffinati. La loro caratteristica principale è l’assenza di copertura. Gli strati si alternano con maestria e raffinatezza, mostrando al vivo gli spessi strati di crema e di torta. Il tutto, sapientemente arricchito da un trionfo di fiori o di frutta posizionati secondo l’estro e il gusto personale di chi la realizza.

Leggi l'articolo…

TORTE/ TORTE FREDDE

Fraisier – Dolce alle fragole francese

Non tutti conoscono questo dolce francese perchè se si pensa ad un dolce tipico di quelle zone si pensa al croissant, ai macarons o alla tarte au citron. Tutti i dolci francesi danno sempre delle grandi soddisfazioni al palato a dispetto della semplicità di realizzazione che spesso ci richiede lunghe e complesse preparazioni. Questo dolce, invece, è si delizioso, ma anche molto semplice da preparare. Serve solo un pò di maestria nella composizione, ma niente di particolarmente complesso! Pubblicherò la video ricetta fra qualche giorno, nel caso voleste vedere nel dettaglio il montaggio dei vari strati.
Vediamo nel dettaglio da cosa è composto questo dolce. E’ necessario comporlo in un cerchio per mousse, ma va bene anche una teglia a cerniera priva del fondo.  Leggi l'articolo…
TORTE

Torta alle fragole con semi di papavero, mascarpone e cioccolato bianco

La torta perfetta per la primavera, che profuma un pò di estate grazie alle fragole che quest’anno sono spuntate prima del previsto.
L’impasto alla vaniglia è arricchito dai semi di papavero che, sebbene possano sdubbiare un pò gli invitati (a me è successo), sorprenderanno piacevolmente al primo boccone “scrocchiando” in bocca. Ogni base è stata bagnata con abbondante moscato, ma potete  anche optare per del passito o un semplice sciroppo di zucchero. La farcitura è una panna leggermente montata e zuccherata con pezzetti di fragole fresche. Esternamente ho scelto una crema al burro con l’aggiunta di mascarpone e cioccolato bianco. Ho preferito stenderne uno strato sottile così che la torta fosse a vista (in gergo si dice “naked cake”) e questa è la soluzione ideale per le torte a piani da servire nella stagione calda.

Leggi l'articolo…

CONSIGLIA Pizza tonno e cipolla